Tag per YouTube: come sceglierli?

Scegliere i giusti tag per i video su YouTube non è affatto semplice. Inoltre, l'algoritmo di YouTube si sta evolvendo modificando sempre di più il peso in termini di SEO dei tag.

Ciò significa che è importante capire quali sono i tag giusti da inserire e quali da evitare assolutamente, pena un ranking peggiore per i nostri video.

Non temere: oggi ti spiego cosa sono i tag, gli strumenti da utilizzare e alcune best practice che ti aiuteranno a dominare la top 10.

Cominciamo!

Tag per YouTube: scegliere i migliori

Cosa sono i Tag?

Prima di cominciare, facciamo un passo indietro. Se stai muovendo appena adesso i tuoi primi passi per creare un canale YouTube, i tag di YouTube sono quelle paroline che vedi nel riquadro subito sotto alla descrizione del tuo video nell'interfaccia di upload.

Volendo essere più rigorosi, i tag video di YouTube sono delle combinazioni di parole che consentono all'algoritmo di YouTube di identificare il contesto dentro a cui il tuo video si inserisce.

Puoi separare i tuoi tag semplicemente utilizzando la virgola: non basta usare uno spazio perché le keyword cosiddette "long tail" contengono più di una parola e, dunque, lo spazio ti serve per staccare parole contigue.

Quindi, prima di pubblicare un video, uno step importante è proprio quello di decidere i tag per il tuo video: è un'informazione che YouTube si aspetta, dunque meglio sfruttarla al massimo. 

cosa sono i tag

Perché i tag sono importanti?

Ora so quale sarà la tua prossima domanda: perché i tag video sono importanti?

Senza fare troppi giri di parole, sono uno degli elementi che contribuiscono al ranking su YouTube. Ergo, produrre i migliori tag ti consente di ottimizzare la SEO su YouTube.

Apro e chiudo una parentesi veloce: parlare di SEO su YouTube è molto forte in quanto, pur essendo un motore di ricerca come Google, YouTube affida pochi fattori di posizionamento al creator. Il titolole miniature e i tag di YouTube fanno parte di ciò che puoi influenzare attivamente, dunque devi fare del tuo meglio perché sono tra le poche leve che hai a disposizione.

Procediamo oltre.

Mi aiuteranno a posizionarmi meglio?

Come ogni elemento che influenza il ranking su YouTube, la risposta è si. Quindi ha senso mettersi a studiare e sperimentare con i tag.

In che misura i tag per i tuoi video YouTube influenzeranno i tuoi video, lo scoprirai col tempo man mano che sperimenterai.

Ora che abbiamo una buona infarinatura su cosa sia un tag per YouTube, entriamo nel vivo: ti rivelo alcuni degli strumenti migliori per scegliere i tuoi tag. 

Strumenti utili per i tag di YouTube

Tags YouTube

 Questo sito freeware è un buon aiuto per iniziare la propria ricerca di tag video per YouTube. Sai perché mi piace molto? Perché, oltre a darmi una prima idea riguardo ai tag che posso usare per i miei video, mi aiuta anche per generare nuove idee per i prossimi video.

La bellezza degli strumenti di scoperta di nuovi tag su YouTube è che, solitamente, ti consigliano anche keyword affini. Spesso non potrai usarle nella tua lista di tag, però potrai sempre tenerle da parte per il futuro perché saranno buone idee da sviluppare per ulteriori video.

Io di solito comincio da questo tool a fare la mia ricerca: non è lo strumento più potente al mondo ma mi consente di trovare velocemente alcune delle combinazioni di parole più affini al mio video.

TagsYouTube

Fatto ciò, passo allo strumento successivo.

Uber Suggest

Uber Suggest è stato acquisito all'inizio del 2018 da Neil Patel, uno dei massimi esperti di SEO a livello mondiale, e per un ottimo motivo. Uber Suggest è una miniera d'oro per chiunque faccia ricerca keyword. E' inoltre uno dei pochissimi strumenti che ti consente di effettuare delle ricerche per YouTube.

Mentre, infatti, Google è più scandagliato e non mancano gli strumenti con cui trovare delle buone parole chiave, YouTube è ancora molto oscuro da questo punto di vista. Ergo, gli strumenti che sono in grado di fare della ricerca sono miniere d'oro.

Ah, mi sono dimenticato: Uber Suggest è gratis.

 

Uber Suggest

KeyWordTool.io

Altro strumento potentissimo è KeyWordTool: funziona in maniera molto simile a Uber Suggest e ti consente anche di vedere il volume di ricerca delle keyword che stai scandagliando.

La versione gratuita ti restituisce una serie di parole chiave relative a quella che stai cercando, mentre la versione Pro (che ha un costo importante), ti dice anche il volume e il grado di competitività del tag scelto.

Non l'ho mai provato personalmente ma credo che tra non molto ci metterò le mani sopra.

VidIQ

 Questa è un'estensione gratuita per Chrome che ti mostra una barra laterale sull'interfaccia di YouTube con una serie di dati davvero molto interessanti.

VidIQ Vision per YouTube

Oltre ad avere i tag del video che stai guardando, c'è anche un punteggio che VidIQ assegna al video per farti capire quanto il video sia stato ottimizzato. Ci sono anche i dettagli relativi alla provenienza della audience del video, le statistiche dei social e pure una checklist delle cose che si potrebbero ottimizzare.

L'estensione è gratuita quindi ti conviene scaricarla subito: per alcuni dei dati più approfonditi, dovrai usare un account pro. Io lo uso personalmente e te lo consiglio caldamente: sono soldi spesi benissimo.

Google Keyword Planner

Last but not least nel mio elenco degli strumenti da usare per trovare i tag per i tuoi video su YouTube, è il keyword planner di Google.

E' uno strumento da prendere con le molle perché è interamente dedicato a Google, quindi niente di quello che ti dirà sarà vero su YouTube. Mettiti l'anima in pace.

C'è un però.

Google sta modificando l'algoritmo di ranking per includere sempre più spesso dei risultati di tipo video da YouTube. Ciò significa che le opportunità di ricevere dei click per i tuoi video direttamente da Google ci sono eccome. Non sarà facile, però il 55% delle ricerche di Google provvede già delle risposte video, quindi vale la pena di fare un giro anche sul Google Keyword Planner.

SERP Google risultati video

Best Practices - I miei suggerimenti

Ora che ti ho svelato i miei strumenti preferiti per scegliere i tag video per YouTube, ti dico anche quali sono le cose da fare assolutamente per ottimizzare la SEO di YouTube con i tag.

Il primo tag è la tua keyword principale

Ricordi che durante l'ideazione del titolo ti avevo consigliato di inserire la parola chiave per cui vuoi posizionarti all'inizio? Ecco, dato che il lavoro l'hai già fatto, inserisci questa keyword come primo tag nella tua lista.

E' un modo per ribadire a YouTube che vuoi effettivamente arrivare in alto per quella parola chiave.

Mescola keyword ampie con altre long tail

 L'elenco dei tuoi tag per il video YouTube dovrebbe essere un mix bilanciato di parole chiave focalizzate su ciò che stai raccontando nel tuo video e altre keyword più generiche che però sono sempre affini al contesto. Ricorda che YouTube non vede cosa c'è dentro il video, quindi possiamo dargli una mano a collegare argomenti simili tramite dei tag.

Nell'esempio qui sotto, Adobe fa la cosa giusta perché racconta nel dettaglio di cosa si parla nel video e poi alla fine aiuta YouTube con dei tag che gli consentiranno di collegare il video stesso al mondo dei contenuti riguardanti Photoshop.

Mescolare i Tag

Se per caso ti stai chiedendo cosa sono quei numerelli blu accanto ai tag, sono uno dei motivi per cui vale la pena usare VidIQ: ti dice qual è il posizionamento del video per ognuno dei tag specificati. Ovviamente ammesso che è nella top venti: altrimenti non ha nemmeno senso perché il video probabilmente non lo guarda nessuno.

Usa molte keyword long tail

Restando sempre sull'esempio di Adobe, guarda quante parole chiave "long tail" sono state inserite. Praticamente tutte a parte tre o quattro.

Questo è fondamentale perché YouTube ha come obiettivo rispondere alle domande dell'audience, dunque più specifici siamo e meglio è. Non esagerare, ma non aver paura ad inserire tag che abbiano quattro, cinque o sei parole.

YouTube ti ringrazierà con un buon posizionamento, vedrai.

Leggi i tuoi tag 

Una volta che hai finito di inserire la tua lista di tag per YouTube, prova a consegnarla a qualcuno che non ha ancora visto il video e chiedigli di riassumere cosa si aspetta di vedere.

Sarà un ottimo test perché YouTube si comporta allo stesso modo: legge ciò che viene detto nel video a partire anche dai tag. Se i tuoi tag sono troppo generici o poco legati all'argomento di cui parli, sai già cosa succederà al tuo video: non sarà ben posizionato.

Prendi spunto da video di successo

 Sicuramente non sarai il primo che crea dei contenuti per la tua nicchia su YouTube, quindi è molto probabile che ci sia almeno un altro video che si prende una grandissima fetta delle visualizzazioni perché da una risposta di alto valore.

Ti consiglio di usare VidIQ per capire quali siano i tag che sono stati utilizzati e di sfruttarli a tuo vantaggio se stai cercando di scalzare i migliori video dalla top 10.

Senza contare che, incidentalmente, potresti finire per essere suggerito come prossimo video da vedere. E anche se non sei nella top 10 ma vieni suggerito da un video che ha molte view, significa che di riflesso il tuo video crescerà rapidamente.

Prendi spunto dai tag di video di successo

Ma quindi? Servono davvero i Tag per YouTube?

Si e no.

Siccome è un input che YouTube si aspetta, è giusto fare un minimo di ricerca e inserire dei tag sensati in modo da rassicurare YouTube su ciò che stiamo caricando. Ricorda sempre che YouTube sa benissimo di cosa stiamo parlando nel tuo video: a mio modesto parere, è probabile che i tag siano usati come una sorta di controllo di parità.

Ti spiego: una volta che l'algoritmo di YouTube ha compreso il contenuto del video, ci chiede di confermarlo anche tramite i tag. Se i nostri tag appartengono ad un'area tematica totalmente differente da quella che si aspetta YouTube, siamo nei guai: il nostro video non si posizionerà bene. Se invece abbiamo inserito i tag giusti, allora tutto bene.

Altro modo in cui YouTube utilizza i nostri tag è per correggere gli errori di battitura, soprattutto per le keyword che non sono univoche.

Ti faccio un esempio: nella nicchia del dropshipping, molti cercano video relativi all'argomento inserendo la keyword "drop shipping". Ecco, in questo caso è necessario inserire entrambi per aiutare YouTube a capire che si parla dello stesso argomento.

Ciò detto, i tag non sono assolutamente comparabili a dei buoni titoli e delle buone miniature: probabilmente dovresti spendere il 98% del tempo a preparare un'ottima combinazione di titolo e anteprime per migliorare l'impressions CTR e il 2% per i tag.

Se non credi a me, puoi sentire direttamente le parole dei Product Manager di YouTube 😉

Be the first to comment

All comments are moderated before being published